Get Adobe Flash player

Archivio

Piano Riabilitazione 1

Valutazione attuale:  / 0
ScarsoOttimo 
Marche, oltre 19 milioni per le persone non autosufficienti
 
ANCONA – Dalle regione 20 milioni per i non autosufficienti.          E’ quanto stabilisce l’accordo sui percorsi di allineamento delle tariffe delle residenze protette alla normativa vigente. Anni 2010- 2013, siglato oggi con le organizzazione sindacali (Cgil Marche, Cisl Marche, Uil Marche, Spi Cgil Marche, Fnp Cisl Marche E Uilp Uil Marche), che dà seguito al punto sulla “non autosufficienza” del Protocollo d’Intesa sottoscritto dalla regione con le OO.SS “per la difesa del lavoro, la coesione sociale, il sostegno allo sviluppo”. “L’accordo con le parti sociali – ha spiegato l’assessore alla Sanità, Almerino Mezzolani - rappresenta un punto d’arrivo nel supporto agli anziani non autosufficienti, migliora l’assistenza sanitaria nelle residenze protette e, allo stesso tempo, riduce la quota delle rette a carico dell’utente alleggerendolo nelle spese per l’assistenza. Con un ingente sforzo finanziario per la Regione, viene praticamente raddoppiata l’assistenza fornita, per quanto riguarda sia gli infermieri che gli operatori socio-sanitari, senza aumento della compartecipazione dei cittadini alla retta giornaliera”.
I contenuti dell’accordo saranno operativi a decorrere dal 1 ottobre 2010 e l’obiettivo perseguito è quello di raggiungere, nel corso del quadriennio 2010-2013, un livello assistenziale infermieristico e socio-sanitario di 100 minuti al giorno, contro gli attuali 50’, in tutti i posti letto delle Residenze Protette convenzionati e nello stesso tempo di ridurre l’importo della retta a carico dei cittadini al 50% della tariffa giornaliera, come previsto dalla normativa nazionale. Questo significa che la regione Marche si impegna ad aumentare nelle residenze protette, che attualmente forniscono 50 minuti di assistenza, le somme necessarie per poterle incrementare nel periodo 2010-2013 dei minuti mancanti, completando l’assistenza a 100 minuti di tutti i 3.411 posti letto convenzionati. La regione impegna così fondi aggiuntivi, rispetto a quelli già a disposizione delle Zone/ASUR, per riqualificare il sistema delle residenze protette per anziani e stanzia un fondo di 19.276.865,10 euro per il periodo 2010-2013, di cui 1.517.796,80 euro per l’anno 2010.
“E’ un impegno forte ed una chiara scelta di campo” ha commentato il presidente, Gian Mario Spacca “l’indicazione di una priorità a favore delle fragilità, che vuole rafforzare la coesione sociale, in un momento difficilissimo anche nella vita delle istituzioni. E’ un’anticipazione della linea che la Regione seguirà a settembre con la redazione del bilancio a base zero che dovrà concentrare le risorse solo su alcune grandi priorità. Continueremo a sostenere il ruolo fondamentale del welfare: nessuno deve restare solo ed i cittadini in situazioni di grave difficoltà, come i non autosufficienti, dovranno avere la priorità e la garanzia di un’adeguata protezione. Con il 67% di tagli ai trasferimenti statali dovremo tirare la cinghia e guardare a quegli investimenti che ci consentono soprattutto di dare sicurezza alla nostra comunità”. (Giulia Gezzi)
(Fonte SVEGLIACONSUMATORI del 2/8/2010)

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

Voglio Diventare Socio

Chi è online

Abbiamo 68 visitatori e nessun utente online