Get Adobe Flash player

Attività

MODIFICA LEGGE 104

Valutazione attuale:  / 0
ScarsoOttimo 

 

E_MAIL TRASMESSA DALL’ANIEP NAZIONALE IL 17/11/2010

 

Per opportuna conoscenza, inoltro Comunicato stampa della sezione ANIEP di Imperia.

  

COMUNICATO STAMPA: Modificata la Legge 104/1992

PROT. ANIEP 4373 del 16.11.2010

 Il Comitato Direttivo dell'ANIEP desidera informare tutti i Cittadini riguardo le ultime novità sulla ben nota Legge 104 del 1992.

Come evidenziava nei giorni scorsi un articolo apparso sull'edizione online de Il Sole 24 Ore, è in atto in questi giorni (la situazione è in continua evoluzione) un vero e proprio giro di vite sui permessi mensili previsti dalla Legge 104 in merito all'assistenza alle persone disabili.

Il "beneficio", tre giorni di permesso mensile, viene limitato in relazione al grado di parentela e la fruizione dovrà avvenire in forma alternata.

Cioè: un solo lavoratore dipendente per volta, per assistere la stessa persona in situazione di handicap grave potrà avvalersi della Legge 104.

Le novità, contenute nel collegato Lavoro approvato dalla Camera lo scorso 19

ottobre, riscrivono in particolare le condizioni per potere accedere all'articolo 33 della Legge 104, quella appunto relativa all'assistenza nei confronti di parenti con problemi di handicap.

Questa norma, secondo le statistiche del Ministero della Funzione Pubblica, è stata utilizzata nel 2009 da oltre 150mila persone, di cui il 10% tra scuole e comuni ed il 9% nelle aziende ed enti del Servizio Sanitario Nazionale. Il 50% dei casi riguarda figli che assistono genitori, mentre per figli e coniugi disabili la percentuale si aggira intorno al 10%.

Nel collegato Lavoro viene chiarito che il parente o l'affine da assistere deve

essere ordinariamente entro il secondo grado. Per semplificare il discorso, non vale la regola precedente che estendeva il beneficio ai parenti fino al terzo grado, e la norma può essere utilizzata solo per assistere figli, genitori, fratelli, nonni, nipoti diretti, suoceri, generi, nuore e cognati.

Tuttavia, il provvedimento approvato dalla Camera prevede che in alcuni casi si

possa derogare dalla norma ed estendere l'applicazione della Legge 104 art. 33 ai fini dell'assistenza nei confronti di parenti o affini di terzo grado, soltanto però qualora i genitori o il coniuge della persona con handicap grave abbiano compiuto i 65 anni di età, oppure siano anche essi affetti da gravi patologie o ancora siano deceduti o mancanti (perchè scomparsi, assenti, irreperibili, etc.).

Si prevede, ancora, che un solo lavoratore possa assistere la stessa persona

disabile, mentre viene meno il requisito finora in vigore relativo alla convivenza della persona da assistere.

Un ultimo ritocco viene fatto per i genitori, anche se adottivi: in questi casi - stabilisce il collegato Lavoro - possono continuare ad assistere il figlio con

handicap grave, ma solo in maniera alternata e non più contemporaneamente. In più, i genitori adottivi vedono riconosciuto il diritto all'assistenza al figlio maggiore di 3 anni, ma minorenne.

L'ANIEP, nella sua Sede Provinciale di Piazza Cassini, 12 a Sanremo è a disposizione

di tutti i Cittadini che desiderassero ulteriori chiarimenti.

La Sede (telefax 0184.570090, Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.) apre al pubblico da lunedì a

venerdì dalle 9 alle 12, nonchè il venerdì pomeriggio dalle 15.30 alle 17.

 

Per il Comitato Direttivo

IL LEGALE RAPPRESENTANTE

Isabella PODDA

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

Voglio Diventare Socio

Chi è online

Abbiamo 26 visitatori e nessun utente online