Get Adobe Flash player

Distributori carburanti

Distributori Self service di carburanti

Self service assistito nei distributori di benzina. Potrebbe sembrare un paradosso, che un servizio “fai da te” preveda l’assistenza di un operatore, ma accade veramente. In Italia. In Puglia. La regione più bella del mondo ha approvato all’unanimità la proposta di legge del consigliere Davide Bellomo che permette a tutti i portatori di handicap, che non possono utilizzare da soli le postazioni di rifornimento, di rifornire la propria auto al prezzo self service ma godendo ugualmente dell’aiuto del benzinaio. Un risparmio, ha detto il consigliere regionale del Movimento Politico Schittulli, che supera anche i 10 centesimi a litro. Fino a ieri, infatti, fare benzina a prezzo agevolato era una possibilità preclusa a tutti i disabili: arrivando in una stazione di servizio, date le loro condizioni, non potevano far altro che chiedere l’aiuto del personale. Da oggi, le cose cambiano. La Puglia è la prima e unica regione in Italia che ha preso una decisione così importante e già altri consigli regionali ne vogliono seguire le orme.

Non è l’unico traguardo che i disabili pugliesi hanno raggiunto recentemente. Grazie ad una giunta sempre più sensibile a questo tema, nasce il Garante dei diritti delle persone disabili. Istituendo questa figura, l’obiettivo dell’amministrazione è quello di velocizzare e facilitare tutte le procedure amministrative presso gli uffici pubblici del territorio che spesso e volentieri rallentano e ostacolano l’accesso ai servizi dei disabili e delle loro famiglie.

Articolo a cura di 

Ability Channel

 

 

BENZINA. TARIFFA SELF SERVICE PER I DISABILI

 

A proporlo è il rappresentante del movimento peloritano democrazia disabile che chiede alla Regione di seguire la legge applicata in Puglia

 

MESSINA | La regione Puglia ha imposto per “legge” ai gestori dei rifornimenti di carburante operanti sul territorio regionale, di applicare ai disabili la tariffa ridotta del self service anche se per ragioni inerenti all'handicap deve intervenire l'operatore.
Di fatto accade che se l'auto del disabile si presenta alla pompa dove funziona il self service, dovendo intervenire l'operatore, la tariffa applicata è quella intera con un aggravio dei costi di rifornimento.

A renderlo noto è il rappresentante del Movimento Peloritano Democrazia Disabile, Mario Midolo, che sostiene la necessità di arrivare ad una soluzione similare anche in Sicilia.
ha ricordato Midolo - è  auspicabile che anche la Regione Sicilia si faccia carico di un provvedimento analogo che sarebbe un ulteriore piccolo passo verso quella "giustizia sociale" che tutti noi auspichiamo. Il Movimento Peloritano Democrazia Disabile – ha concluso il rappresentante - chiede ai nostri parlamentari regionali che si facciano carico di una iniziativa simile e che rendano ai disabili la vita da automobilisti un pochino meno difficile di quanto già sia di per sé”.

 

Fonte: Quotidiano On-line ”Messinaoggi”

 

- Questa è una e-mail  inviata al sito di Aniep-Ancona da Renè il 14/09/2010

Un gran problema riscontro con i rifornimenti di carburante per l’auto. Oramai quasi tutti i distributori hanno il “fai da te” e nei giorni festivi difficilmente trovi aperti il “servito”. Per noi disabili non rimane facile fare il rifornimento.

 

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna