Get Adobe Flash player

L'ASSISTENTE PERSONALE

L’ASSISTENTE PERSONALE

L'assistente personale per le persone disabili è una figura a cui - culturalmente - non siamo molto abituati. Di certo non è un lavoro che viene rappresentato nei film o in TV se non come "badante" o infermiere, che non sono proprio la stessa cosa. E comunque nei film non è che ci sia tutta questa presenza di personaggi disabili, quindi figuriamoci se vengono rappresentati i loro assistenti!
L'assistente è un mix tra cameriere, autista, parrucchiere, addetto alle pulizie, bodyguard, make-up artist, chef, tuttofare...
Tra i lavori più ingiustamente sottovalutati e considerati poco interessanti (come, in realtà, molti dei lavori che hanno a che fare con la disabilità), e anche tra i meno conosciuti.

Il buon assistente deve avere svariate competenze che spaziano da una certa sottile sensibilità psicologica alla manualità pratica pura.

È una figura eclettica, che all'occorrenza può: mettere lo smalto per le unghie, andare in avanscoperta per cercare un bagno accessibile, riordinare i libri della libreria, fare l'inventario dei cd, andare in perlustrazione per cercare un locale provvisto di rampa, incartare pacchetti regalo, passare i colori per pitturare, fare le foto ai ripiani più alti del frigo per farti decidere cosa cucinare.

Ringraziamo il giorno in cui è stata inventata questa figura, cioè quando, negli anni sessanta, l'attivista disabile Ed Roberts piantò un casino alla sua università perché gli venisse garantita l'assistenza per poter studiare, e la ottenne.

Il giorno in cui verranno garantiti fondi nazionali per supportare davvero questa figura, affinché tutte le persone che ne hanno bisogno possano assumere i propri assistenti personali liberamente scelti, allora si aprirà un nuovo capitolo per le persone disabili, che saranno pronte a conquistare il mondo! (o se non altro a vestirsi la mattina, andare a lavorare, pettinarsi... Basterebbe anche solo questo)

Illustrazione di Moreno Chiacchiera tratta da: "L'assistenza personale per una vita indipendente", di Elisabetta Gasparini, pubblicato da Uildm Venezia: disegno in bianco e nero di un assistente personale che porge una bibita a una ragazza disabile al mare.